ENERGIA IDRICA

L’acqua è una risorsa naturale disponibile ovunque esista un considerevole e costante flusso d’acqua.

Essa possiede energia, perché è in grado di svolgere un lavoro; infatti è in grado di far muovere le pale di un mulino, di una ruota idraulica o turbina (o qualsiasi altra cosa).

L’energia dovuta al movimento è chiamata energia cinetica ed è direttamente proporzionale alla velocità e alla massa del corpo: energia cinetica (Ec) = ½ x massa x (velocità)2. In formula: 

Ec = ½  m v2

Quindi l’acqua più è distante dal suolo in posizione elevata, più arriverà a valle con maggiore velocità e maggiore sarà l’energia cinetica che essa possiede. Ma l’energia dipende anche dal  peso dell'acqua, infatti più il peso del corpo è elevato più il corpo arriverà con maggiore potenza.

L’energia dovuta alla posizione di un corpo rispetto al suolo si chiama energia potenziale ed è proporzionale al peso e all’altezza a cui esso si trova rispetto al suolo: energia potenziale (Ep) = peso x dislivello.  In formula: 

Ep = P h

Il lavoro prodotto dall’acqua non dipende dal tragitto del corpo (più o meno in pendenza), posto ad una certa altezza del suolo, ma dipende dal dislivello.  Questa energia è attualmente sfruttabile grazie alle centrali idroelettriche.

L'energia potenziale dell'acqua nel bacino si trasforma in energia cinetica man mano che l'acqua scende nella condotta forzata.

Quando raggiunge la turbina, l'acqua possiede solo energia cinetica.